Reggio: La squadra amaranto in cerca di rinforzi

La Reggina ha conquistato con una settimana di anticipo la salvezza assicurandosi anche per la prossima stagione la partecipazione al campionato di Lega Pro. Dopo la grande festa in occasione dell’ultima giornata di campionato e l’amichevole del giovedi con il Gallico Catona, si è fermato il calcio giocato. Prosegue, invece, il lavoro societario con il presidente Mimmo Praticò e tutto il gruppo dirigenziale, impegnato a reperire risorse ed alla ricerca di nuove idee, per rendere la stagione che sarà meno sofferente. Si ripete ormai da tempo quanto diventi vitale per questa società riuscire a trovare nuovi investitori che possano dare maggiore robustezza dal punto di vista economico. Gli attuali soci hanno prodotto il massimo degli sforzi e sarà difficile pensare ad altri inserimenti di denaro, visto che si dovrà completare ancora il percorso di aumento di capitale, partito all’inizio di questo 2017. Per stessa ammissione del presidente, non mancano gli interessi verso questa società, anche se dopo i primi approcci, fino ad oggi sono mancate le vere e proprie trattative. Ed in questo senso ci si muove quotidianamente affinchè si trovino delle soluzioni non temporanee ma che possano dare stabilità per il futuro. Attende notizie in questa direzione anche il DG Martino, perché molto di quello che sarà il prossimo calciomercato, dipenderà ovviamente dalle disponibilità economiche, quindi ambizioni. Nel frattempo il responsabile dell’area tecnica è attivo ed ha iniziato a dare vita ad una serie di confronti con quelle società che hanno dato fiducia alla Reggina in fatto di prestiti. Le discussioni non riguardano solamente i calciatori che hanno appena concluso la stagione con la maglia amaranto, ma anche di possibili nuovi arrivi più o meno con le stesse formule. Discorso a parte per Andrea Bianchimano. Il ragazzo è in scadenza contrattuale con il Milan che attende prima di decidere se rinnovare o meno. La Reggina è alla finestra e ritiene di avere le giuste argomentazioni, eventualmente, per poter convincere il centravanti a rimanere in riva allo stretto.


by redazione